La schiava dei Tudor

Ciao carissimi, oggi vi consiglio una letura impegnata, un periodo storico abbastanza irrequieto e ambientazioni davvero interessanti. Eì il romanzo di una ragazza italiana davvero molto brava, Isabella Izzo

TRAMA: Dayla è poco più che una ragazzina quando il suo villaggio sulla costa dell’Africa Occidentale viene attaccato e messo a ferro e fuoco. I sopravvissuti al massacro sono ridotti in catene, percossi e condotti al mercato degli schiavi più vicino per essere messi all’asta come capi di bestiame e stipati nel ventre di quelle grosse navi dirette a nord. Il destino di Dayla sembra segnato: deve essere venduta a una ricca famiglia della nobiltà Tudor. Grazie al suo spirito fiero la ragazza riesce invece a fuggire e a rifugiarsi sotto falsa identità all’abbazia di Whitby, nell’Inghilterra del Nord. In quel luogo magico e pieno di speranze, tra mille ostacoli, continue sorprese e incontri che la cambiano per sempre, la vita di Dayla si trova inestricabilmente legata a quella di una terra dilaniata da lotte per la successione, complotti e scontri per la conquista del potere. Ma dove forse c’è ancora spazio per un amore puro e incontaminato…

LE MIE IMPRESSIONI: Lettura consigliata. Un romanzo ambientato in un’epoca storica che amo particolarmente, il medioevo, racconta le vicende di una ragazza africana ,Dayla, con ambientazioni ben descritte e scrittura fluida e lettura scorrevole. Al romanzo non manca nulla, l’autrice è stata molto abile nell’inserire colpi di scena, sofferenze, amore, violenze, tanta passione e , quando la protagonista, dopo essere fuggita ad un triste e atroce destino di una vita di schiavitù, arriva in inghilterra all’abbazia di Whitby, le storie dei vari personaggi che si intrecciano tra loro in una danza ritmica e avvincente. Un romanzo passionale ed emozionante che tiene il lettore sulle spine sino all’epilogo.

trovate il romanzo su amazon a questo LINK

Precedente Zanzea, abbigliamento anche per taglie forti Successivo Belle Azul finalmente un anticellulite che fa il suo dovere!