Storia di Aya

Storia di Aya

Buongiorno carissimi oggi vi presento una storia vera, ricca di dolcezza, amore e dolore, la storia di Fadi e Aya, una storia che tutti noi dovremmo leggere per renderci conto di quanto possa essere difficile per un’immigrato entrare nel nostro paese, che spesso ci facciamo idee sbagliate, pensiamo non ci siano controlli, pensiamo sempre di essere nel giusto, etichettando ogni straniero che entra nel nostro Paese in base al nostro pensiero, così come d’altronde facciamo con i nostri stessi compaesani, etichettiamo, giudichiamo senza prima conoscere la realtà dei fatti.

TRAMA:

Fadi e Aya, due ragazzi siriani, si innamorano a distanza. Lui vive in Svezia, dove ha chiesto asilo politico, lei a Latakia, in Siria. Sul capo di lei, appena diciotto anni, pende un triste destino: la diagnosi di un tumore a un piede con l’unica, incerta soluzione di amputare l’arto. L’attrazione che li cattura, però, è così profonda che va oltre la malattia e la distanza. Dopo mille difficoltà, riusciranno a incontrarsi a Beirut, in Libano, dove si sposeranno, partendo subito per Roma per trascorrere la “luna di miele”. Nella città eterna, però, qualcosa non gira per il verso giusto, trascinandoli in un’odissea disseminata di delusioni, ma anche di aiuti insperati, e soprattutto di tanta forza di volontà. Una peregrinazione che si dipanerà per mesi prima che si apra uno spiraglio, e che coinvolgerà il mondo politico e diplomatico, i media, strutture ospedaliere, associazioni di volontariato e numerosi privati.

Una storia vera, fatta di speranza e tanta solidarietà.

Marinella Fiaschi, nata nel 1954 a Roma, lavora nel campo dell’informatica e fin da giovanissima si è distinta nel volontariato. Ha prestato la sua opera con l’Avo (Associazione Volontari Ospedalieri) dedicandosi ai bambini ospedalizzati. È membro dell’associazione Scuola di Pace, con la quale è intervenuta fra l’altro all’Aquila e ad Amatrice dopo i terremoti, sempre occupandosi di bambini, e dell’associazione Ridere per vivere, presso la quale ha frequentato un corso per clown.
Il suo slogan: «Volontari si nasce, non si diventa».

LE MIE IMPRESSIONI:

Finalmente una storia che parla della vera situazione in Italia, dei problemi per la troppa e lentissima burocrazia, sopratutto legata all’immigrazione. La storia di Fadi e Aya due novelli sposi che fuggono dalla Siria e dai drammi legati alla guerra, e ad un male diagnosticato alla dolcissima Aya, diciottenne e innocente, un tumore al piede che , a detta del medico siriano è curabile solo con amputazione della gamba, cosa che Aya non intende assolutamente fare. Inizia la loro Odissea con il viaggio a Roma, quando arrivano all’aeroporto si devono scontrare con la diffidenza e la lenta burocrazia italiana, e vengono separati. Il povero Fadi finisce in prigione, verrà liberato in attesa di processo con l’obbligo di non lasciare l’Italia. Nella sua odissea per ritrovare la sua amata e dolcissima sposa, in una lotta contro il tempo e contro il tumore e la sofferenza della sua dolce metà conosce due anime buone, Marinella e il marito, due angeli che li aiuteranno a riunirsi. Durante il loro travagliato tentativo di riportare Aya in Italia incontreranno tanti muri e tante mani tese, si scontreranno con la mentalità chiusa e prevenuta di molte personalità e con la gentilezza e disponibilità di altrettante persone, sarà un lungo calvario nella quale ci saranno gioie e dolori ma che sfocerà in un epilogo felice per i due innamorati. Questa storia coinvolge il lettore dall’inizio alla fine per farci tirare un sospiro di sollievo e una sensazione di gioia e soddisfazione quando i due amati ritroveranno la felicità . Ci fa capire quanto sia importante aiutare il prossimo e quanto possa fare male trovare tante porte chiuse. Ma fortunatamente, come dico sempre, il sole si trova sempre sopra le nubi, e per quanto possa andarci male troveremo sempre una soluzione e alla fine avremo delle gioie. Questa storia ci insegna che l’amore vince sempre, su ogni cosa, anche la più tragica. L’amore è la magia più potente, possono accadere mille cose storte, ma se vai avanti con tenacia e amore alla fine si risolve sempre tutto, anche se ci vuole molto tempo e qualche aiuto. Nonostante tutto il male di questo mondo esistono ancora “miracoli” e persone di cuore, questo fa sperare per il mondo. Una storia intensa che vi farà provare moltissime emozioni, descritta minuziosamente, come se stessimo accanto ai personaggi, fa venire voglia di prenderli e abbracciarli per confortarli, ci si arrabbia per i mille problemi e si gioisce quando le cose piano piano, con i loro tempi si risolvono. Consiglio a tutti la lettura di questo libro, fa riflettere e, secondo me, se lo leggessimo tutti, si potrebbe migliorare, in tante cose, mettendo una mano sul cuore e una sulla coscenza. Un grazie ai volontari italiani che da anni, con il cuore e l’animo dedicano la loro vita al prossimo senza nulla chiedere in cambio, sono l’oro l’anima pulsante di questo Paese che sta andando alla deriva, è grazie a loro se ogni anno tantissime persone si ritrovano, rinascono e crescono.

Potrete acquistare questo bellissimo libro a questo LINK

Ringrazio la casa editrice Imprimatur Editore per la possibilità di leggere in anteprima questo piccolo capolavoro.

Precedente Il Dominio Dei Mondi: L'EGEMONIA DEL DRAGO  Successivo Microfono wireless per karaoke